Costruzione e partecipazione
Due focus sulla Biennale di Architettura 2018, Venezia

di Valeriana Berchicci Nuova Meta - Numero 40



 

Il 26 maggio si è aperta al pubblico la Mostra Internazionale di Architettura, che resterà visibile fino al 25 novembre 2018 ai Giardini, all’Arsenale e in altri spazi distribuiti all’interno del territorio veneziano. Il titolo della Mostra è Freespace, scelto dalle curatrici Yvonne Farrell e Shelley McNamara, rappresenta la generosità e il senso di umanità che l’architettura colloca al centro della propria agenda, concentrando l’attenzione sulla qualità stessa dello spazio.

 

Focus 1: un caso italiano all’estero

Nelle parole utilizzate nel testo di presentazione, le curatrici di questa Biennale di Architettura parlano di “generosità” e fanno riferimento a quegli elementi costruiti le cui potenzialità insite nell’architettura coinvolgono attivamente il pubblico. Tra questi il Padiglione dell'Argentina dal titolo Vértigo Horizontal sito negli spazi dell’Arsenale; nei Giardini, il Padiglione del Brasile dal titolo Muros de Ar / Walls of Air, il Padiglione della Germania Unbuildings Walls concepito come spazio di memoria, quello Svizzero 240: House Tour che riflette sull’identità degli spazi domestici in cui un modulo abitativo viene ripetuto più volte coinvolgendo lo spettatore in un percorso fuori scala; e lo spazio del Padiglione Olandese dal titolo Work, Body, Leisure. Quest’ultimo si presenta come una sala d’attesa, locker, di un arancio sgargiante. Lo spettatore si trova di fronte a una serie di sportelli numerati ed è fortemente stimolato, dalla composizione dell’ambiente, ad aprirli in uno stato di compulsione. Alcune aperture rispettano le dimensioni degli sportelli, altre invece si aprono a dimensioni di porta per permettere l’accesso al pubblico in altri ambienti che sono inizialmente, in modo molto studiato, occultati alla vista.

Il lavoro sinergico dell’Het Nieuwe Instituut e della curatrice Marina Otero Verzier si estende alla collaborazione con artisti, ai quali è stato chiesto di lavorare sulle tematiche insite nella storia della costruzione dello spazio, partecipando ad una “opencall”, il tematratta le configurazioni spaziali, le condizioni di vita e le nozioni del corpo umano generate dai cambiamenti dirompenti nell’etica e nelle condizioni del lavoro. Il progetto incoraggia creatività e responsabilità in campo architettonico in risposta alle emergenti tecnologie dell’automazione. Il Padiglione è concepito come una ricerca internazionale. Tra le opere degli artisti vincitori del Bando, nascoste dietro gli sportelli, c’è l’istallazione video degli italiani Giuditta Vendrame, Paolo Patelli (entrambi ricercatori nel campo del Design) e Giulio Squillaciotti (Artista), situata all’interno dello sportello #WAITING ROOM. L’opera s’intitolaShore Leaves.

Attraverso una breve intervista agli artisti si può subito evincere i temi su cui si sono confrontati e che costituiscono l’intero Padiglione.

 

Valeriana Berchicci: Nel processo d’ideazione, costruzione e realizzazione dell’Opera Shore Leaves, quali sono state le metodologie adottate visto che le vostre caratteristiche professionali appartengono a discipline diverse? Come si è sviluppata la commistione tra le vostre discipline di appartenenza, anche nel risultato finale, in rapporto con lo spazio costruito in cui la vostra opera si colloca?

 

Giuditta Vendrame, Paolo Patelli, Giulio Squillacciotti: Abbiamo da subito stabilito dei parametri d’azione che partissero dalle singole esperienze e rispettivi background, individuati i quali il lavoro avrebbe dovuto prendere necessariamente una piega “a tre” dove applicavamo la perdita di competenze singole (de-skilling) per costruirne una collettiva unica, di modo da condividere un vocabolario che si compilasse mentre ne eravamo in cerca, insieme. Lo spazio e la destinazione venivano dai curatori, noi ci siamo adattati trovando una soluzione che fosse congeniale alla sala d’attesa e al locker.

 

VB: Per definire e analizzare le diverse fasi di ricerca, progettazione, realizzazione dell’opera, rispondete alle seguenti domande brevi: Chi? Cosa? Perché? (domande che sollecitano il desiderio, l’interesse, la necessità e la propria responsabilità nel fare, il «Perché?» definisce, inoltre, la fase cruciale del processo, quella della definizione, della ricerca e della riflessione che sta alle origini del percorso); Come? (si riferisce al medium); Dove? Quando? (legati al tempo e allo spazio); Per chi? (non è solo definire i destinatari del lavoro, persona singola o pubblico determinato, ma è anche quando esso è rivolto a se stessi, sarà comunque soggetto ad uno spazio di comunicazione e condivisione).

 

GV, PP, GS: Risposte

CHI?- I marinai, le navi cargo, i porti e molto di ciò che ruota intorno a queste vite, ambienti e spazi. I sistemi di lavoro passati, l’automatizzazione del lavoro e i sistemi futuri. E per noi stessi: per molti aspetti crediamo abbia ragione chi dice che il mondo della logistica sia l’avanguardia, l’anteprima del quotidiano di molti altri lavoratori. La retorica che accompagna l’introduzione delle tecnologie dell’automazione è fortissima. Noi siamo andati a vedere come appaiono quelle poche ore liberate dal lavoro, sapendo che forse ci avremmo trovato indizi sul futuro di molti;

COSA? - Il mutamento dei sistemi di lavoro marittimi, il tempo libero dei marinai e il relativo tempo a bordo. “Shore leaves” sono le ore che i marinai spendono a terra, fuori dagli obblighi di lavoro. Sono vitali per la loro salute mentale, il loro benessere, e rappresentano i pochi momenti in cui possono mettersi in contatto con la famiglia e gli amici. Gli spazi e i tempi rimodellati a uso delle macchine però hanno reso più difficile l’attraversamento delle aree portuali e molti marinai non scendono più a terra. Ci sono distanze difficili da colmare, questioni di sicurezza e questioni legali che spesso impediscono ai marinai di lasciare le navi;

PERCHÉ? - Perché il 90% delle merci si muove per mare e il lavoro di chi sposta e maneggia queste merci prima che arrivino a noi è un lavoro di cui si sa poco, come del tempo libero dal lavoro dei marinai. In particolare, concentrandosi sugli spazi e sui gesti del tempo di attesa, il lavoro si confronta con una realtà generalmente nascosta, mettendo in questione il significato di ciò che resta ai marinai, ai margini delle operazioni di carico e scarico ormai automatizzate, nella mancanza di una cura specifica, e nel contesto di regole e protocolli che sono ormai più stringenti per le persone che per le merci;

COME? - Un’istallazione video a due canali, muti, che diventeranno un film tradizionale a canale singolo con audio e una struttura narrativa precisa;

DOVE?- Porto di Marghera, il Porto di Rotterdam, Seamen’s Clubs a Venezia e Rotterdam per le riprese; Rietveld Pavilion (Padiglione olandese presso i Giardini della Biennale) per l’esposizione, eventi pubblici di discussione e riflessione che si terranno in autunno a Rotterdam e a Venezia;

QUANDO? - Riprese tra Aprile Marzo e Maggio - Mostra da Maggio a Novembre, eventi pubblici in autunno;

PER CHI? - Per i marinai e per palesare ad un pubblico che ne sa poco, ciò che fanno. Per noi tre, per conoscere di più questi sistemi e per un pubblico che speriamo si generi a partire dal nostro lavoro.

 

Focus 2: Biennale Sessions: ARTE PUBBLICA - La Escuela Moderna

Da molti anni la Biennale dedica uno spazio, nell’Arsenale, all’Educazione. Il programma si chiama Biennale Sessions e include la partecipazione, con diverse tipologie di attività, di Scuole, Accademie e Università nazionali e internazionali.

Quest’anno la Biennale sessions è stata inaugurata in apertura dalla Escuela Moderna con una conferenza sull’opera pubblica Slancio realizzata da Massimo Mazzone e Giacomo Tringali presso l’aeroporto di Venezia. La conferenza si apre con l’intervento dell’Ing. Andrea Imbrenda la cui presentazione accende una fioca luce sull’oscuro e recondito mondo della tecnica a supporto dell’arte, il cui maggior pregio è di non apparire.

Slancio è l’esempio di una scultura pensata per lo spazio aperto che si rifiuta alla retorica del monumento celebrativo e attraverso l’astrazione della forma, e la pratica della sua costruzione, stabilisce un rapporto non gerarchico ma concettualmente denso con l’architettura, dichiara Paolo Martore invitato ad intervenire al dibattito.

La conferenza si arricchisce con l’intervento di Matteo Binci, giovanissimo studioso, focalizzato su due aspetti importanti del costruire: il luogo e il processo. Analizza le opere Reality Properties: Fake Estates dell’artista Gordon Matta-Clark e 2146 Stones – Monument Against Racism di Jochen Gerz per sottolineare la problematica degli spazi all’interno dei sistemi di pianificazione dello spazio urbano e le possibilità di generare processi di condivisione e comunicazione dell’arte pubblica.

Dallo scambio con il pubblico, presente alla conferenza, a cui partecipa anche l’arch. Giampaolo Mar progettista dell’aeroporto di Venezia, emerge una problematica seria che riguarda lo stato italiano, relativa ai bandi pubblici e alla Legge detta del 2% che obbligherebbe le amministrazioni comunali che fanno lavori pubblici a riservare questa quota alle opere d’arte pubblica, ma purtroppo viene spesso disattesa.

Gli artisti dello Slancio Massimo Mazzone e Giacomo Tringali rispondono così alle semplici domande riguardanti una metodologia del progetto:

 

Valeriana Berchicci: Chi? Cosa? Perché?

Massimo Mazzone, Giacomo Tringali: Slancio è un’opera pubblica nata dalla partecipazione a un bando di concorso gestito da SAVE Società Aeroporti Venezia, un bando per Imprese. Abbiamo partecipato in partnership con Progress Engineering e Tecnostrutture, Impresa che costruì parti rilevanti dell’aeroporto. Volevamo un’equipe molto competente.

 

VB: Come?

MM, GT: l’opera rientra nella categoria “Scultura Costruita” (Scuola di Nicola Carrino), è un unico foglio di acciaio COR-TEN A, autoprotettivo che opportunamente tagliato (non è stato calandrato, curvato, etc), realizza un prisma curvilineo elicoidale che richiama un decollo o un atterraggio ma anche una forcola o un aratro visto che il “lavoro delle genti venete” era tema del bando. Inoltre le fondamenta dell’opera riprendono i temi delle palificazioni veneziane, di cui il discorso sulla struttura invisibile dell’ing. Imbrenda, durante l’intervento in conferenza, fa riferimento.

 

VB: Dove? Quando?

MM, GT: Nell’aeroporto Marco Polo di Venezia, tra due rampe stradali. Il bando di concorso è stato indetto nel 2012 e doveva concludersi in sei mesi ma a causa di problemi burocratici, l’opera permanente è stata completata nel 2017.

 

VB: Per chi?

MM, GT: L’opera è al livello del suolo ed è accessibile non è adagiata su un piedistallo ma esce direttamente dal terreno. Il pubblico ha tutte le possibilità di avvicinarsi e toccarla con mano.